Motociclista a tempo pieno in 10 mosse

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito stesso.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Motociclista a tempo pieno in 10 mosse

 

  Avete deciso di mollare per sempre l’auto e utilizzare solo la moto per i vostri spostamenti? Ecco i 10 migliori consigli per diventare motociclista a tempo pieno. 

 Traffico, caos, tempi di percorrenza allucinanti, oppure – perché no – una passione fortissima che non riesce a farvi stare lontani dalla moto. Sono tanti i motivi per scegliere di diventare Motociclista a Tempo Pieno e dire definitivamente addio all’auto. Una scelta “forte”, di passione, che può migliorarti la vita e renderla più eccitante, a patto di seguire alcune regole basilari e non farsi trovare impreparati. Ecco la nostra Top Ten dei migliori suggerimenti per diventare Rider “H24″

 

 394376 352274458187906 814774489 n

  1. Scelta della moto

Premesso che non esiste una regola fissa, se volete però diventare motociclisti a tempo pieno, sarà bene indirizzarsi su un mezzo in grado di affrontare ogni esigenza quotidiana. Siete certi di poter guidare ogni giorno dell’anno, per tutto l’anno, tra Sampietrini, traffico e rotaie del tram, in sella ad una fiammante Ducati Panigale? Rider avvisato… Rider salvato!

2. Preparare il proprio corpo

L’utilizzo della moto comporta qualcosa in più del semplice sprofondare sul sedile di un’auto. Un corpo tonico e allenato vi consentirà di avere sempre il massimo controllo del mezzo e riflessi pronti a fronteggiare ogni evenienza che si presenterà nel day by day. Un po’ di stretching, quindi, una corsa di tanto in tanto ed esercizi per tenere i muscoli “pronti”, ma… senza dimenticare la giusta dose di carboidrati quotidiana. Insomma, siamo o no Riders made in Italy?

3. Preparare la propria mente

Pioggia, caldo, freddo, nebbia, strade scivolose, traffico. Avere la mente già preparata a tutto ciò, vi consentirà di affrontare le difficoltà con il giusto spirito. E senza accorgervene, vi ritroverete a godere ancora di più delle giornate di sole e del clima temperato, oltre a scoprire che, anche sotto la pioggia, se ben preparati ed equipaggiati, si possono provare sensazioni motociclistiche davvero uniche.

4. Siate selettivi con le donne

E fatelo sin dal primo appuntamento. Se siete un motociclista a tempo pieno, lei dovrà esserne perfettamente consapevole. Niente damine dell’800, quindi, e “fashion victim” patologiche tutte smalto, unghie, trucco e parrucco. Andrete a prenderla in moto, uscirete in moto… probabilmente farete le vacanze in moto… e talvolta andrete a fare anche spese, in moto. Per il resto, lasciamo a voi altre ipotesi fantasiose e piccanti,  su ciò che potrete fare insieme in moto .

5. abbigliamento tecnico e protezioni in pole position

Tutte le statistiche sull’incidentistica stradale mostrano un dato inequivocabile: la maggior parte dei sinistri in moto si verificano in città. Ed è proprio qui che non si deve mai abbassare la guardia. Soprattutto non può permetterselo il motociclista a tempo pieno. Protezioni di qualità per tutto il corpo: casco, guanti tecnici, giubbotto, pantaloni con rinforzi nei punti giusti e calzature adeguate non devono mai mancare. Il Paraschiena, poi, ne vogliamo parlare?

6. Check list frequenti per un mezzo in perfetta forma

Olio, pneumatici, filtri, freni, ingrassaggio catena, trasmissione, pulizia, tagliandi programmati… la vostra vita di “motociclista a tempo pieno”, per essere felice e piacevole, deve passare da una scrupolosa manutenzione del mezzo. Fondamentale preparare una chek-list con controlli periodici almeno 2 volte a settimana. Ricordate che avete scelto di essere un Rider “totale”, un motociclista a tempo pieno, e la vostra cavalcatura fa parte oramai indissolubilmente della vostra vita. Prendetevene cura a dovere, e vedrete che vi ripagherà di tutto l’amore che le dedicherete.

7. Abbigliamento 4 stagioni

Caldo estremo, freddo pungente, giornate di pioggia. È fondamentale non farsi cogliere impreparati…  a partire dall’underware, ovvero, i capi che – a diretto contatto con la pelle – rappresentano la “protezione” più importante tra voi e quel che capita nell’ambiente esterno. Guidare una moto sotto l’acqua, al freddo, completamente zuppi fin dove non batte mai il sole, è uno dei modi per dire “addio”, alla propria carriera di motociclista a tempo pieno, seduta stante. Quindi, spendete il giusto e affidatevi a capi di qualità, freschi e aerati d’estate… caldi, impermeabili e traspiranti d’inverno, ricordando che il Goretex è uno dei migliori amici del motociclista a tempo pieno. D’inverno, quando le temperature calano drammaticamente, poi, ricordate che esistono in commercio capi riscaldati che ti salvano la vita.

8. gadget e accessori

E proprio a tal proposito, tra i gadget irrinunciabili del motociclista a tempo pieno, non può mancare un cavo d’alimentazione a 12V collegato alla batteria, economico e facile da istallare. Oltre a fornire energia ai capi riscaldabili, se ne trovano anche con prese USB in grado di alimentare GPS, Smartphone, macchine fotografiche e quant’altro. Alti gadget utili per chi vive la moto a tempo pieno, oltre ad un set di borse dedicato (vi consigliamo borse laterali rigide, pratiche e all’occorrenza in grado di stivare casco, giubbotto, borsa porta PC e quant’altro, senza influire troppo sulla “dinamica” del mezzo), un porta-smartphone da manubrio (meglio se con custodia impermeabile) e, perché no, un bel paio di manopole riscaldate se la vostra moto le prevede. Se trascorrete molto tempo in sella, e ricevete molte telefonate, un auricolare da casco bluetooth è quel che vi serve.

9. Organizzare il proprio tempo

Se è vero che l’utilizzo quotidiano della moto dimezza i tempi del tragitto casa/lavoro, è anche vero che, prima di partire, occorrerà valutare attentamente il tempo necessario ad alcune operazioni di routine necessarie. Per non perdere il vantaggio, quindi, sarà bene organizzarsi per tempo. Riscaldare la moto prima di partire, indossare l’abbigliamento, stivare il bagaglio, effettuare un veloce check del mezzo… sono operazioni che necessitano del giusto tempo: tenetelo sempre a mente.

10. lavoro, tempo libero, uscite nel week-end… un out-fit per tutto

Non esiste l’abbigliamento motociclistico per ogni occasione. E non potete certo di volta in volta “inventarvene” uno. Chi decide di diventare motociclista a tempo pieno deve organizzarsi per tempo e crearsi almeno 2/3 corredi di capi appositi per ogni occasione: lavoro (abbigliamento adeguato alla città, adatto anche ad essere utilizzato giù dalla moto e sotto il quale – se necessario - poter indossare anche giacca e cravatta. In commercio non mancano poi proposte di calzature equilibrate nel look, ma ugualmente protettive); tempo libero (un bel giubbotto di pelle “figo” anche per passeggiare, jeans con protezioni in kevlar dalla buona vestibilità e calzature tecno-casual non possono mancare nel vostro guardaroba); uscite in moto (qui potrete davvero sbizzarrirvi)

 

JoomShaper